Archive for the ‘android’ Category

Anker : carica batterie a 5 porte USB

Tuesday, January 21st, 2014

Vi capita mai  di dover ricaricare  vari dispositivi USB (tablet e telefoni vari)  e non avere abbastanza prese elettriche disponibili ?

Girando su Amazon ho trovato questo carica batterie. Ordinato e arrivato in un giorno lavorativo.

20140121-144936.jpg

Le dimensioni sono contenute (9,1×6,6×2,5cm), all’interno della confezione è presente un cavo sufficientemente lungo per collegare il dispositivo alla rete elettrica. Il charger è capace di erogare 5A totali di corrente suddiviso su diverse porte.

20140121-144945.jpg

Ogni porta ha una diversa etichetta e un diverso amperaggio (2.1, 1.3, 2.1, 1, 1) con porte dedicate all’ipad (ma anche nexus 7) e 2 porte per smartphone (iphone e android). Avendo il limite di 5A si potranno caricare 2 tablet e un telefono insieme, oppure 5 telefoni.

Ho fatto una prova notturna: ho caricato contemporaneamente con successo un iphone, un galaxy ace, un nexus 7 e un ipad di prima generazione.

L’unico appunto al dispositivo: un groviglio di cavi in uscita.

Prima app per android pubblicata

Friday, November 30th, 2012

Normalmente nella mia vita lavorativa quando si discute di applicazioni mobili multipiattaforma, in un modo o nel altro parlo sempre della mia esperienza con PhoneGap (ora Cordova); la mia prima app sull’appStore di Apple (A.I.S.Mo Info)  è stata appunto  sviluppata con questo framework ed era più che altro un esperimento, quasi un Proof Of Concept.

L’app in se stessa è molto semplice,: un insieme di pagine HTML che sfruttano poco le caratteristiche di PhoneGap e con qualche hack per le mappe. La User Interface è molto iOS-like grazie all’utilizzo del framework CSS UIUIKit.

Ci sono stati esperimenti di porting “automatico” usando il servizio PhoneGap build (ora Adobe PhoneGap Build).

Cogliendo l’occasione di un corso di sviluppo Android, ho effettuato il porting dell’applicazione.

Tempo totale: meno di una giornata compreso il tempo di pubblicazione sul PlayStore.

La fase vera di porting e test è stata molto veloce, ho dovuto testare la visualizzazione su diversi dispositivi a mia disposizione,  creare le icone (ho usate le stesse dell’iphone ridimensionate da eclipse) e gli screen shot per il play store.

In due ore e mezzo, mi sono registrato come sviluppatore, ho cercato di capire cosa fosse necessario per pubblicare l’app (testi e screenshot). La creazione del pacchetto di rilascio è molto più semplice, non c’e’ da impazzire con provisioning profiles, certificati e loro relativa importazione (e conflitti);ho quindi firmato il pacchetto creando il Keystore e atteso che l’app fosse disponibile su GooglePlay.

Sicuramente la pubblicazione su PlayStore è molto più “easy” che non su appStore, i tempi di attesa sono molto diversi in quanto il market di android è molto più “libero” e con meno controlli rispetto ad Apple, ma se si volesse pubblicare la propria app anche su altri market Android i tempi di pubblicazione non sarebbero molto diversi da quelli a cui è abituato uno sviluppatore iOS.

 

 

Installare Android Italiano su un Galaxy Ace Polacco

Wednesday, June 13th, 2012

Settimana scorsa approfittando di un sottocosto di Esselunga su un Galaxy Ace, ho deciso di “regalarlo” a mia moglie.
Una volta portato a casa noto che le scritte sulla scatola sono in polacco o altra lingua a me sconosciuta, ma non ci bado più di tanto: tanto android è multilingua ed è impostato l’italiano.

Iniziando a configurare il dispositivo noto alcune applicazioni “strane” (un canale di news in polacco, un distributore di contenuti multimediali) che non posso disinstallare;
provando con kies mi viene proposto l’aggiornamento alla 2.3.5 sempre in polacco.

Prendo la decisione di passare alla versione di android in italiano. Trovo su www.androidiani.com questo ottimo articolo
ma arrivato alla fine della procedura, kies non riconosce il telefono e non propone l’update.

Decido quindi di ripristinare al firmware originale reimpostanto il codice ad EXO (usando *#272*codiceIMEI# ) e a questo punto skies lo riconosce e installa gingerbread 2.3.5.

Colto dal sospetto che l’applicazione segnalata (sgs csc selector) non sia perfetta, riprovo tutta la procedura con odin ma non uso piu’ il programma incriminato per cambiare il csc ad ITV.

In un eccesso di zelo reinstallo anche tutti i driver dei telefoni a kies

Collego il telefono al pc e questa volta viene riconosciuto e mi installo gingerbread 2.3.6.

Potete trovare il Galaxy Ace (italiano) su amazon.

[iframe src=”http://rcm-it.amazon.it/e/cm?lt1=_blank&bc1=000000&IS2=1&bg1=FFFFFF&fc1=000000&lc1=0000FF&t=ac20blo-21&o=29&p=8&l=as4&m=amazon&f=ifr&ref=ss_til&asins=B005614JL4″ width=”120px” height=”241px” scrolling=”no” marginwidth=”0″ marginheight=”0″ frameborder=”0″]

Phonegap Build Service

Friday, December 10th, 2010

Ho già parlato di phonegap in un precedente post ed essendo un framework, necessita un ambiente di sviluppo per poter creare i pacchetti da rilasciare: grazie a questo servizio “cloud” non sarà piu’ necessario avere hardware e software per rilasciare una applicazione sui vari dispositivi mobili.

Avendo già rilasciato una applicazione basata su phonegap (A.I.S.Mo. Info) per iPhone,  ho riutilizzato quanto in precedenza sviluppato; lo zip contenente tutte le pagine html, i css e il javascript è stato caricato sul sito build.phonegap.com. (del codice originale ho eliminato solo alcuni riferimenti ad admob)

 

Finito l’upload parte automaticamente la compilazione per le 4 piattarforme attualmente supportate (Blackberry,WebOS,android,Symbian)

Dopo qualche minuto il risultato

 

Selezionando il titolo dell’applicazione, è possibile visualizzare e scaricare le applicazioni tramite i QR code

 

Le applicazioni create sono state poi testate su un Nokia e51 (schermo troppo piccolo!!!) e su un Ideos con android 2.2 (ottimo!!)

Mancanze della beta:

  • iOS non ancora supportato
  • non vengono gestiti i certificati per un rilascio definitivo (è una beta e non è fatta per un rilascio effettivo) è necessario quindi abilitare l’esecuzione di applicaizoni non firmate.
  • vari bug in giro (es icone non visualizzate)

C’è da lavorare  ma promette bene.